PAOLA LUCATO

 

paola_lucato

 

Camposampiero, 14 aprile 1985


Cari fratelli e sorelle, siamo qui riuniti per celebrare l’OSTREGA LATINA, la gioia di essere una sola famiglia, la pace e la comunione tra i popoli! Andiamo per le strade di tutto il mondo!


Dal libro della Genesi:
Primo giorno. Il Signore diede a Michele e Alma quattro creature da cortile: vennero nutrite, istruite nei comandamenti, addomesticate con i sacramenti. Quando i primi tre pulcini divenuti gaetti e gaìne, volarono in altri punàri…rimase Paola sola a farsi rancurare dai suoi cari.
Secondo giorno. La fanciulla cresceva in tanta beltade e… incisivi davanti! Così nel villaggio di BORGHETTO ben presto si accorsero del suo talento benedetto: non v’erano bicchieri di vetro o cristallini che potessero resistere alla morsa dei suoi dentini. “E’ un portento della natura” gridavano i naviganti del VANDURA.
Terzo giorno. La quiete del paese venne turbata da un barrito di elefante e un girovago danzante! “Oibò il circo è arrivato! Varda che bel tendon el pare un capanon!” La giovinetta affascinata dal mondo dei viandanti…sentì la vocazione per saltimbanchi e mete distanti.
“Anch’io il mondo girerò. Signor capo del circo mi porti con lei…sa son capace di sbalordir tutti con i denti miei!”
Un secco no e la bambina finalmente si chietò. L’elefante ripartì.
Quarto giorno. Ella cresceva: chiese, siese e messe le erano concesse….coast to coast SANTUARI MARIANI ed Erasmus VATICANI. Miss cantorina venne eletta e ogni donzella, anche stonata, entrò nella sua setta.
Quinto giorno. Il tempo dei pomi, lasciava spazio al tempo di mattoni e tomi. La giovane donna attesa dell’umanità, dopo anni e anni di pubertà, si seppellì all’università. Tra studi e sughi, sudori, colori, amori e tanti dolori… gli allori.
Sesto giorno… il cerchio si chiudeva perfetto come un volo di pojana…
Settimo giorno. E fu sera e fu mattina….. OSTREGA LATINAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!
Palabra de Dios.

P.S: gratias ostregheta Telatin por la tradusion aramaico-padovan-italian.